DESIGNED BY MIXWEBTEMPLATES

Gli uffici Obiezione e Pace - Struttura di Gestione del Servizio Civile - rimarranno chiusi dal 12 al 16 agosto 2019.

Riapriranno lunedì 19 agosto 2019. 

 

Progetto S.V.E. – ALBANIA e MOLDAVIA - MEET “Multiply Education and European Tools” (CONCLUSO)

di Marco di Noto

 

Giorno 58, ore 15:58

Viaggio di ritorno da Medugorje: tre italiani in una macchina dalla targa croata: ci ferma la polizia e solo io (l' avventuriero) parlo inglese folkloristico. In poche parole… multa di 15 euro sul posto (senza verbale) o 30 andando in Questura... contratto per la multa sul posto. E il tutto perchè non avevamo le luci accese ma… erano le 17:00!

Questa è una delle situazioni bizzarre in cui vi potreste trovare se vi candidate a questo progetto!

Oppure… pagando il biglietto per l' autobus alla biglietteria costa di più che farlo direttamente quando sei sopra!

Con che spirito va presa questa esperienza? Prima cosa open-mind e massima disponibilità di tempo, energie, emozioni…. non c’è davvero spazio per le restrizioni!

Vivo in una comunità terapeutica a Vrgorac, nel sud della Croazia: ogni giorno per dire “buongiorno” utilizzo tre lingue diverse, inizio in inglese, proseguo con qualche slang in croato e finisco con il mio amato italiano.

Questo è l'impatto del mio primo mesetto nel paese…  quando questo meraviglioso popolo così ospitale scioglie le difese iniziali si apre veramente un altro mondo!

La vita all’interno della Comunità Terapeutica è molto “alla giornata” anche se scandita da orari ben precisi. Si passa da attività lavorative come raccolta di peperoni, fragole, uva a quelle “artistiche” come fare Krunice ( rosari), e piccoli angeli da dipingere con i colori acrilici.

Andando più in profondità, e nel succo significativo dell’esperienza, la struttura accoglie persone ex tossicodipendenti e qualche ragazzo con patologie psichiatriche, e realizza programmi specifici per il loro recupero. Si sperimenta l’accettazione dell’altro nella sua autenticità, perchè in un posto così crollano le maschere del passato e ci si rivela nella propria autenticità di persone. Avviene pertanto un incontro diretto non più fra personaggi ma fra persone.

Ogni giorno è una celebrazione alla vita nei momenti di semplicità, condivisione di spazi logistici e spazi interni troppo spesso cullati nei meandri della nostra solitudine. E' un periodo di forte crescita individuale, ma anche di sviluppo di competenze linguistiche, interpersonali, culturali, pratiche, insomma… interdisciplinari!

Un casco bianco qua mi disse una cosa e voglio condividerla con voi: “Non sai come stargli vicino e come aiutarli ma solo vivendo con loro entri nella bellezza di un altro mondo”. E’ vero: non esisti più tu con i tuoi problemi insormontabili ma inizi a vivere la vita come un dono unico nella totalità delle sue sfumature.

Vorrei raccontarvi tanto ancora ma il time-table chiama e tanta altra vita mi attende qua a Vrgorac!