DESIGNED BY MIXWEBTEMPLATES

Condividiamo la strada

SERVIZIO CIVILE REGIONALE
Avviso Pubblico Regione Emilia-Romagna del 12.06.2019

 

TITOLO PROGETTO: Condividiamo la strada

NUMERO DI VOLONTARI RICHIESTI: 2

SETTORE ED AREA DI INTERVENTO: Assistenza adulti e terza età in condizioni di disagio

REFERENTE PER INFORMAZIONI:

Nome e Cognome: GIULIA MONTANARI

Telefono  331.5953207

Mail: gQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
TARGET DI RIFERIMENTO:
I DESTINATARI del progetto sono le 28 persone adulte in situazione di disagio accolti nelle strutture CASA DI ACCOGLIENZA SENZA FISSA DIMORA e PRONTA ACCOGLIENZA SAN GIOVANNI BATTISTA di Castel Maggiore: in particolare si tratta di senza fissa dimora, ex tossiodipendenti ecc.
 
SINTESI DEL PROGETTO:
Il progetto si occupa dell’assistenza di adulti in situazione di disagio (tossicodipendenti, senza tetto, immigrati, ex carcerati ecc.) della provincia di Bologna. Il sostegno avviene sia attraverso l’accoglienza nelle strutture, sia attraverso unità di strada per sostenere i senza fissa dimora, non solo materialmente, ma anche attraverso l’ascolto, raccogliendo i loro bisogni e offrendo alternative concrete alla strada.
 
OBIETTIVI DEL PROGETTO:
Potenziare i percorsi di sensibilizzazione e formazione rivolti alla cittadinanza, in particolare ai giovani, sulle cause e condizioni del disagio adulto, nonché sulle modalità dell’accoglienza e del reinserimento sociale dei portatori di tale disagio, in modo da garantire ai 28 utenti accolti dalle 2 strutture aderenti al progetto un tessuto sociale maggiormente inclusivo.
 
ATTIVITA’ DEL PROGETTO
I volontari affiancano gli operatori delle strutture nelle attività di assistenza, di socializzazione ed educative, con particolare attenzione alla dimensione relazionale con gli utenti. In particolare il volontario:
- partecipa agli incontri d'équipe per l'analisi dei bisogni emergenti degli utenti e del territorio
- collabora alla riqualificazione delle attività per una maggiore interazione con il territorio
- supporta l'organizzazione di incontri di sensibilizzazione della cittadinanza sulle tematiche inerenti il disagio adulto
- supporta la realizzazione del modulo formativo “Pensiero indipendente” finalizzato alla conoscenza e alla prevenzione delle dipendenze da sostanze 
- partecipa agli incontri di verifica tra operatori portando il proprio punto di vista
 
L’associazione constata che l’affiancamento alle persone fragili, verso le quali i giovani in servizio civile avranno un ruolo di figura educativa di supporto, facilitatori della comunicazione e dei rapporti interpersonali, sostegno all'esercizio delle autonomie, contribuisce a sviluppare negli stessi giovani volontari un nuovo punto di vista sulla marginalità e un nuovo senso di responsabilità, contribuendo così a diffondere la cultura di una società meno escludente e meno violenta. Ai giovani in servizio civile verrà inoltre proposta la partecipazione a marce, convegni a tema e iniziative di sensibilizzazione nell’ottica di aiutarli a conoscere le modalità di cittadinanza attiva e di nonviolenza attiva attuabili oltre l’anno del servizio civile.
 
Numero ore di servizio settimanali dei giovani: 25
Giorni di servizio a settimana dei giovani previsti dal progetto: 5
Durata complessiva del progetto: 11 mesi
 
CONDIZIONI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI: 
Durante lo svolgimento del servizio civile, i volontari sono tenuti a:
rispettare le norme in materia di igiene, sicurezza e salute sui luoghi di lavoro
rispettare le regole delle strutture: orari, linguaggio e abitudini consolidate
mantenere la necessaria riservatezza per quanto attiene a dati, informazioni o conoscenze acquisite durante lo svolgimento del servizio civile
flessibilità oraria dovuta alla particolarità delle persone destinatarie del servizio (intesa come possibilità di svolgere servizio o di mattina, o di pomeriggio)
essere disponibili a trasferimenti in Italia per incontri di formazione, sensibilizzazione e promozione del servizio civile
partecipare ad eventi particolari previsti dal programma delle attività (uscite domenicali, campi invernali ed estivi)
disponibilità a spostamenti temporanei di sede legati ad esigenze progettuali
saranno richieste in conformità al paragrafo 6.2 del DPCM "Disposizioni concernenti la disciplina dei rapporti tra enti e operatori volontari del servizio civile universale". In particolare per quanto riguarda le attività di SCR in sede diversa da quella indicata alla voce 12, nel limite massimo di 60 giorni sopra richiamato, si ricorda l’obbligo di pianificare, almeno settimanalmente, queste attività insieme ai giovani e di provvedere alla loro adeguata registrazione, da documentare nel caso di verifica ispettiva.
 
Saltuariamente potrà essere chiesto di svolgere il proprio servizio anche nel giorno festivo di domenica, fatto salvo il diritto a recuperare il giorno di riposo di cui non si è usufruito. L’impegno dei giovani in SCR in giorni festivi comporterà la fruizione di giornate di riposo nella settimana prima, nella stessa o in quella successiva, fermo restando il numero di giornate di servizio settimanali previste a progetto.
Si ricorda, inoltre, che la formazione è obbligatoria e nelle giornate di formazione non è possibile prendere giornate di permesso.
 
Per partecipare al bando inviare la propria candidatura a:
 
Giulia Montanari c/o Casa Famiglia
VIA PIRANDELLO 7
40127 BOLOGNA
 
oppure inviare per posta certificata (da indirizzo il cui titolare è il candidato stesso) a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Le selezioni, per le domande pervenute nei modi e tempi stabiliti dal bando, si terranno il 18 luglio 2019 ore 9.00 presso la Casa famiglia Pamoja in via Pirandello 7 - 40127 Bologna. 
 
 

Erasmus +

Il Servizio Volontario Europeo ed il Programma Leonardo, con la nuova normativa, vengono unificati nel nuovo Erasmus+
A breve verranno aggiornate le pagine descrittive del programma ed i nuovi progetti che si stanno costruendo.

 

 

 

Educazione alla Pace

Il Servizio Obiezione di Coscienza e Pace dell'Ass. Comunità Papa Giovanni XXIII, anche a seguito dei nuovi stimoli ricevuti dal convegno "La Miglior Difesa è la pace" sta realizzando nuovi persorsi per scuole di ogni ordine e grado. Contattando il servizio tramite email è possibile avere informazioni aggiornate. Dal menù posto in alto alla pagina è possibile accedere su percorsi scolastici già effettuati.